44. Wish

Ci sono periodi in cui gli oscuri giochi del destino ti legano ai fili di una vita altrui. Priva di una spiegazione, senza un motivo concreto, ti ritrovi a cavallo tra la tua realtà e quella di qualcun altro senza neanche averlo chiesto. Semplicemente, hai risposto ad un invito ricevuto all’improvviso. Facendoti piccola, sei entrata in punta di piedi attraverso una porta e, dopo un’accoglienza con mille feste, ora ti ritrovi da sola in una grande casa vuota.

 

C’è un particolare momento della giornata in cui, anche involontariamente, il mio pensiero vola altrove e ripete lento i gesti di una quotidianità che non conosce.

 

Le lancette dell’orologio terminano un altro giro e ci si ritaglia uno dei rari momenti di pausa dal lavoro. Le chiavi di casa restano sulla scrivania, tanto dopo si torna indietro. Giusto il telefono, il giubbotto e via, verso mille saluti, altrettante adulazioni ed un mondo fatto in buona parte d’ipocrisia.

 

C’è un luogo chiamato Desiderio dove il bianco candore dei mobili è attutito da luci soffuse. Cuscini morbidi, tovaglie lunghe fino ai piedi e mille voci in sottofondo. 

Lui si farà strada fra innumerevoli sorrisi con lo charme e la sicurezza che solo un principe può avere. Lei lo seguirà quasi stordita da tanto bagliore, si farà piccola, ma sederà nobile.

Si scambieranno così un po’ di vita, tra due coppe di nero d’Avola e del buon cibo portato alle labbra con le dita.

 

Ed il tempo che corre come se tutto non dovesse mai finire, con quegli occhi che, sorridendo, sembrano porgere una limpidità riservata a pochi.

E si sente onorata, lei, piccola cenerentola senza pretese.

 

Arriva poi il momento di tornare indietro.

Escono sotto braccio, portandosi via un po’ di desiderio per mano, per dirigersi in un altro luogo chiamato etere.

Le luci lì sono meno soffuse, l’aria intorno non è più pregna dello stesso candore. Il parquet sotto i piedi crepita ad ogni passo ed ogni cosa è magica.

 

"Benvenuta nel mio regno"

 

E la notte prosegue avvolgendoli nel suo lato più profondo, l‘altro lato, fatto di mani fra i capelli e sguardi attraverso un vetro.

E si sente onorata, lei, piccola principessa della notte. Ma respira a fondo perché sa che non potrà durare.

Così trascorrono le ore, una canzone dietro l’altra, fino a che i piatti non si fermano. I dischi tornano nelle loro copertine, i microfoni si spengono e le lancette segnano l’inizio di un nuovo giorno.

 

"Vieni con me. Ti riporto a casa"

 

Salgono in carrozza e corrono via fra le luci della notte. Respira a fondo la principessa, sa che sta per tornare nella sua bolla di sapone, mentre i cavalli instancabili galoppano fieri nell’oscurità.

Arrivano al portone, la principessa sorride e scende. E, varcata la soglia, torna alla vita di sempre, una semplice cenerentola.

 

C’è un particolare momento che aspetto per tutta la giornata. Al calare delle tenebre mi disconnetto dal mondo e mi preparo a rientrare nell’etere. Accendo l’oscurità con tremule candele, smetto di fare qualsiasi cosa e torno con la mente in quel castello.

Non c’è più il suo padrone, non si fa vedere, ma basta il suono della sua voce ad infondere calore. E tutto torna ad accendersi, il candore bianco dei mobili e le luci soffuse. La magia pervade ogni cosa, lo scintillio negli occhi riprende vita.

 

E verrebbe da cercar risposta a mille domande, ma è meglio restare immobile.

Preferisco tornare, in silenzio, in quel posto chiamato Desiderio.

 

Annunci

8 thoughts on “44. Wish

  1. Un po’ sì e un po’ no. Più nostalgica, direi.Alle volte la vita sa sorprendere con doni tanto preziosi quanto inaspettati. Forse è proprio per questo che è dato assaporarli una sola volta. Ma poi è sempre per questo che, per quanto mi senta grata, ci sono momenti in cui vorrei poter tornare indietro e fermare il tempo, per rimanere lì all’infinito.Un bacio

  2. ..k bello tornare a leggerti…mi sei mancata…mi perdo sempre tra i tuoi post… infatti li leggo qnd sn tranquilla, mi isolo da ogni rumore e leggo…a volte mi ritrovo nelle tue frasi…rifletto…e non commento…T abbraccio tra silenzi incantati…piccola principessa-cenerentola.

  3. Anche io ho sentito tanto la vostra mancanza in queste settimane. Ben ritrovata!Visti i complimenti, che dire? Evidentemente è un periodo molto delicato quanto fervido. Oltre a questa non so trovare altre spiegazioni… Gli apprezzamenti così graditi mi lasciano sempre a corto delle dovute parole di ringraziamento.Sono davvero contenta se quel che scrivo riesce a donare emozioni.Un bacio, piccolo tesoro.

  4. Questo post sa di rosa che lascia cadere i petali, uno per volta e senza preavviso, e li lascia planare con una lunga danza irriverente fino a terra, con lo strascico di un fruscio che sentono solo gli angeli.Ed è proprio in questa fragilità del sentire, del muoversi, dell’occupare volume nel tuo spazio vitale, che spuntano la mia ammirazione ed il mio comprendere: sottovoce, perchè coprire il rumore dei petali è un’eresia.

  5. Vorrei tornare anch’io in quel posto chiamato desiderio….anche se lì il tempo fugge via, ogni gesto è effimero, ogni respiro troppo intenso……ogni battito del cuore risuona troppo forte per essere sentito da una sola persona….C’è un posto nella nostra mente dove risiedono i ricordi, dove possiamo rifugiarci quando in momenti come questo ci lasciamo prendere dalla nostalgia…..fantasticare con la mente è ciò che ci rimane nell’intermezzo tra un desiderio ed un altro.kiss kiss  tesoro

  6. E poi all’improvviso arrivò lei. La riconobbi prima ancora d’intravederne la sagoma, il suo profumo s’insinuava ipnotico nelle narici.Entrò in casa con passo felpato e sguardo felino. E diede finalmente un nome a quella che in quel momento era la mia esistenza: un "intermezzo tra un desiderio e l’altro".

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...