5. Prendiamola sul ridere

Ieri io e la mia amica S ci siamo viste per un caffè e quattro chiacchiere al volo.
Il suo è un periodo non facile, sta uscendo da una storia sbagliata ed insana che per 3 anni le ha inquinato anima e corpo. Da tempo le dicevamo in molti che dovesse troncarla ma si sa, quando c’è di mezzo il cuore è difficile vedere oggettivamente come vadano le cose e quale sia la strada migliore.
In ogni caso sono molto felice perché pare che pian piano ce la stia facendo. In più da qualche settimana ha preso ad uscire con un ragazzo (…e che ragazzo!!) e di certo questo l’aiuta non poco a distrarsi…

Ebbene, come di regola, in pochi minuti si è giunte alla fase spettegules. Mi racconta di alcune loro uscite, per poi soffermarsi su un paio di incontri ravvicinati del quinto tipo… Nel parlarne però non sembrava poi così euforica ("Ma dico io, sei matta?! Con un pezzo d’uomo del genere io farei bava da tutte le parti!) e alla fine arriva al dunque: "Sai, è che entrambe le volte è durato tutto 5 minuti, mentre col mio ex andavamo avanti per mezzore intere!"

Fra me e me è scattato subito il soliloquio.
…Cosa?!? Mezzora!!! Ma per me mezzora sarebbe un sogno!! Per tutta una serie di motivi il suo ex non ha mai goduto della mia simpatia, ma quasi quasi potrei rivalutarlo…
E in quanto ai 5 minuti dell’altro bel figliolo… Beh, è una triste realtà ma ultimamente mi è capitato di considerare un miraggio anche quelli!
Non che il mio lui sia mai stato un maratoneta delle lenzuola, ma almeno all’inizio riuscivo a raggiungere il traguardo anch’io.
Da un po’ di tempo a questa parte invece più niente… E’ diventato un velocista che più celeri non si può, ed io non faccio in tempo a sentire lo sparo d’inizio che la corsa è già finita!

Così poi dal soliloquio ho ulteriormente sconfinato nello spro-soliloquio e mi sono rivista nelle ultime notti, seriamente impegnata in solitarie ricerche in campo anatomico…
Mi ero detta: "Ok, lui sarà pur diventato un centometrista, ma magari non è che un po’ sia anche tu?! Forse non ti conosci abbastanza a fondo, ergo tu stessa non sai esattamente cosa chiedere e come."
Dunque, mossa dalla profonda necessità di sapere e da un lieve senso di sfida, mi ero lanciata alla ricerca di sto benedetto punto Giusto…
Solo che alla fine ne sono uscita un po’ sconfitta. Nel cuore della notte mi ritrovavo ogni volta a demordere, esausta e sudata (e) fradicia, dopo lunghi attimi di lavoro intenso ma infruttuoso.
Ancora oggi non ne sono venuta a capo.

Che dire?! C’è chi causa forza maggiore è costretto a buttare nel cesso lunghe mezzore di piacere. Poi c’è chi, non avendo provato di peggio, giustamente si lamenta della soglia dei 5 minuti.
Ed io in tutto questo che devo dire?! Una causa di forza maggiore per barattare il velocista vecchio con un maratoneta nuovo di zecca non ce l’ho (e ovviamente nemmeno la voglio… sarà celere quanto vuoi, ma almeno ci amiamo sul serio!). In più, pur essendo ancora nel fior fiore degli anni, mi ritrovo già a farmi le seghe mentali (in questo caso l’espressione cade a pennello!) in preda al timore di non riuscire più a ritrovare la fonte nascosta del piacere che una volta sembrava funzionare tanto bene.

Prendiamola con filosofia e ridiamoci su!
Meno male che ognuna di noi può pur sempre ripegare sul classico ma magico e fedele "ruotino di sCorta"!!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...